Chi sono gli Zeloti?Gruppi religiosi del Nuovo Testamento

Chi erano gli zeloti? Che influenza ebbero nel I secolo? A cosa credevano? Come sono collegati a Masada in Israele?

Gli zeloti erano uno dei numerosi movimenti politici ebraici del periodo del Nuovo Testamento. Lo storico Giuseppe Flavio afferma, riguardo a questa quarta delle quattro principali sette esistenti nel I secolo d. C. (gli altri nella Bibbia sono farisei, sadducei ed esseni), “Ma della quarta setta della filosofia ebraica (gli zeloti), Giuda il Galileo era l’autore” (Antichità degli ebrei, Libro 18, Capitolo 1, Sezione 6).

Il Dizionario biblico di Fausset conferma che esiste un legame tra Giuda il Galileiano e gli zeloti radicali del giudaismo. Questo noto dizionario afferma: “Guidò la ribellione nei giorni della tassazione . . . Questi’ Gauloniti ‘(Flavio Giuseppe si riferisce anche a questo Giuda come ‘Giuda un Gaulonita’) erano precursori degli Zeloti . . .”Easton’s Bible Dictionary li definisce come” una setta di ebrei che ha avuto origine con Giuda il Gaulonita.”

Gamaliel, un noto e rispettato fariseo che era un membro del Sinedrio, fa riferimento direttamente agli Zeloti nel Nuovo Testamento. Usò ciò che accadde a Giuda e ai suoi seguaci per esortare il concilio a trattare con attenzione gli apostoli (Atti 5:33 – 38)

Credenze e pratiche

Questo gruppo era difensore della Legge (Torah) e della vita nazionale del popolo ebraico. Si opposero all’occupazione romana di Israele. Il loro scopo era quello di incitare le persone a ribellarsi contro l’Impero romano ed espellerlo dalla Palestina con la forza. Si rifiutarono di rendere omaggio ai Romani perché ritenevano che fosse una violazione del principio secondo cui Dio era l’unico re d’Israele. Hanno anche espresso la loro avversione per il dominio romano prendendo di mira violentemente romani e greci.

Masada nel deserto della Giudea
Masada nel deserto della Giudea

Gli zeloti erano anche noti per aver razziato abitazioni ebraiche e ucciso ebrei che consideravano apostati e collaboratori. Portavano anche il nome Sicarii dalla loro usanza di portare pugnali romani nascosti sotto i loro mantelli. Gli zeloti usavano tali armi per pugnalare chiunque si trovasse a commettere un atto sacrilego o qualcosa che provocasse sentimenti antiebraici.

Gli Zeloti giocarono un ruolo fondamentale nella prima guerra giudeo-romana (conosciuta anche come La Grande Rivolta) iniziata nel 66 d.C. Riuscirono a conquistare Gerusalemme e a tenerla fino al 70 d. C., quando il generale romano Tito riconquistò la città e la distrusse insieme al Tempio di Erode.

Un ultimo stand a Masada

Nel 70 d. C., dopo che Gerusalemme fu distrutta e il Tempio bruciato a terra, 960 Ebrei zeloti si rifugiarono catturando la fortezza romana chiamata Masada. Anche se una Legione fu inviata da Roma per riconquistare Masada, non riuscì a farlo nei primi anni della campagna. La fortezza tenne a bada il possente esercito romano anche dopo l’invenzione di nuove armi da usare contro di esso.

Nel 73 d.C., i Romani finirono un’enorme rampa d’assedio fatta di terra che conduceva a Masada. Questa rampa ha dato loro la possibilità di utilizzare tutta la potenza delle loro macchine d’assedio appena fatte contro le mura della fortezza. Quando la fortezza fu finalmente presa d’assalto, i romani scoprirono che tutti gli zeloti si erano suicidati. Il coraggio di queste persone ha portato a Masada essere moderna attrazione turistica a pagamento più popolare di Israele.

Gesù chiama un ribelle

Sapevi che Gesù chiamò personalmente uno degli zeloti come suo discepolo? Nella Bibbia il suo nome è Simone lo Zelota (Luca 6:15, Atti 1:13 NKJV). La parola ebraica per questo tipo di persona è presa dalla Concordanza di Strong #G2208 e significa un partigiano per l’indipendenza politica ebraica. Questo discepolo è anche indicato, erroneamente, come Simone il Cananeo in Matteo 10:4 e Marco 3: 18.

Posted on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.