Perché gli studenti infermieristici fanno sesso senza preservativo? Uno studio dell’università di Palermo

Mira: Valutazione delle conoscenze e dei rischi comportamentali legati alle infezioni sessualmente trasmissibili (STI) tra la popolazione studentesca del corso di laurea in infermieristica dell’Università di Palermo.

Materiale e metodi: Un sondaggio online anonimo è stato fornito agli studenti che indagano sulle informazioni socio-demografiche, sulle abitudini sessuali e sul livello di conoscenza delle IST. È stata eseguita una regressione logistica multivariabile, considerandola come una variabile dipendente “Hai permanentemente rapporti sessuali non protetti (senza preservativo)? Sì”, al fine di valutare il ruolo delle variabili del questionario. I risultati sono espressi come Adjusted Odds Ratio (aOR).

Risultati: La dimensione del campione è composta da 405. L’età media del campione è di 21,65 anni (deviazione standard±3,24). L’analisi mostra che il rischio di avere rapporti sessuali permanentemente non protetti (senza preservativo) è significativamente associato alle seguenti variabili: “Sei fidanzato o single? Impegnato ” (aOR 3.24, 95% CI 1,66 – 6,33); ” Orientamento sessuale. Omosessuale o bisessuale (aOR 4.45, 95% CI 1.30 – 15.29); ” Hai avuto occasionalmente rapporti sessuali non protetti (senza preservativo)? Sì “(aOR 5.09, 95% CI 2.69 – 9.62); ” Come definiresti la tua conoscenza delle malattie sessualmente trasmissibili? Buono ” (aOR 2.07, 95% CI 1.05 – 4.08); “Come definiresti le tue conoscenze sui metodi contraccettivi? Buono “(aOR 2,51, 95% IC 1,23 – 5,15); ” Ha o ha mai avuto una malattia a trasmissione sessuale? Sì (aOR 4.43, 95% CI 1.71 – 11.53); ” Sai che gli uomini possono anche sottoporsi alla vaccinazione HPV? Sì “(aOR 2,57, IC 95% 1.03-6.40); “Età. Aumento dell’unità ” (aOR 1,14, IC 95% 1,02 – 1,26).

Conclusioni: Questi risultati evidenziano l’importanza di coinvolgere gli studenti universitari in programmi volti a migliorare la conoscenza in termini di IST e aumento della salute sessuale e riproduttiva. Inoltre, poiché la prevenzione delle IST si basa principalmente sul comportamento umano, è necessario un intervento su misura soprattutto perché il cambiamento del comportamento rimane una sfida complessa.

Posted on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.