Prazosin Aiuta le persone con PTSD Sonno

Di Lorraine L. Janeczko

NEW YORK – Prazosin aiuta le persone con disturbo da stress post-traumatico (PTSD) dormire più a lungo e più profondamente, secondo una nuova revisione sistematica e meta-analisi.

“Questo studio suggerisce che la prazosina, un bloccante simpaticolitico del recettore adrenergico alfa-1, migliora gli incubi e i sintomi generali del PTSD, tra cui iperarosi, disturbi del sonno, tempo di sonno totale e qualità del sonno”, Dr. Balwinder Singh, della University of North Dakota School of Medicine and Health Sciences di Fargo, ha detto a Reuters Health via e-mail.

“Precedenti revisioni avevano dimostrato che la prazosina è benefica per gli incubi e può aiutare a dormire. I dati raccolti dalla nostra meta-analisi indicano che i pazienti che assumevano prazosin sono rimasti addormentati più a lungo-61 minuti-rispetto al placebo. La scoperta è significativa, poiché la maggior parte dei farmaci sedativi e ipnotici non è riuscita a mostrare efficacia in questa popolazione di studio”, ha detto il Dr. Singh in una e-mail.

“Il medico praticante può sentirsi molto più a suo agio usando prazosin e spiegando i meriti di questo farmaco ai loro pazienti, portando a un processo decisionale migliore e informato”, ha aggiunto.Singh ei suoi colleghi hanno cercato i principali database fino ad agosto 2015 per studi randomizzati controllati che confrontavano prazosin a un gruppo placebo o di controllo in pazienti con PTSD. Dai 402 articoli che hanno esaminato, i ricercatori hanno incluso sei studi con 280 pazienti (80% maschi) con PTSD nella revisione sistematica e 5 studi con 230 pazienti nella meta-analisi. Hanno calcolato le differenze medie standardizzate (SMD) per ogni studio, hanno utilizzato un modello di effetto casuale per calcolare le SMD raggruppate e il test Q di Cochran e il chi-quadrato per valutare l’eterogeneità.

Come presentato in un poster il 16 maggio alla riunione annuale dell’American Psychiatric Association (APA) ad Atlanta, Georgia, gli incubi sono migliorati significativamente (SMD 1.01), così come i sintomi complessivi di PTSD (SMD 0.77) e la salute globale clinica (SMD 0.94), nei pazienti che hanno ricevuto prazosin rispetto a quelli nei gruppi placebo / controllo.

Prazosin ha migliorato la qualità del sonno (SMD 0.87), contenuto del sogno, durata totale del sonno (differenza media 82,54 minuti) e sintomi iperarosi (SMD 1,04). Il farmaco ha in qualche modo aiutato i pazienti che hanno avuto difficoltà a cadere o rimanere addormentati, probabilmente a causa del piccolo numero di studi.

Prazosin non ha migliorato i sintomi di re-experiencing / intrusione ed evitamento, gli autori non hanno trovato eterogeneità minima o minima tra gli studi per la maggior parte dei risultati e gli effetti collaterali erano minori.

“PTSD è una malattia debilitante,” Dr. Singh ha detto. “The cross-sectional studies of representative samples of U. S. gli adulti hanno riportato un aumento della prevalenza nel corso della vita di PTSD, compreso tra l ‘ 8,3% e il 10,4%. Similmente, in un campione di convenienza dei veterani degli Stati Uniti, la prevalenza è stata riferita per essere 30.5% per la diagnosi corrente e 67.5% per la diagnosi di vita. PTSD non solo colpisce la qualità della vita e fa sì che le sue vittime a incorrere in oneri finanziari, ma li rende anche inclini a depressione, abuso di droga, problemi di rabbia, discordia coniugale, tentativi di suicidio, e altre disabilità fisiche e mentali.”

Dott. Singh ei suoi coautori hanno in programma di studiare i dati sul dosaggio ottimale e l’uso di prazosin in pazienti con PTSD.

Gli autori non hanno riportato alcun finanziamento o divulgazione

Posted on

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.